Mastermind

artists/mastermindGli individui che hanno trovato le soluzioni più innovative e utili ai compiti sono stati valutati più in creatività divergente, mentre quelli che hanno trovato la soluzione migliore possibile hanno ottenuto i segni per la creatività convergente.

Il team ha scoperto che l’ascolto di musica felice, rispetto al silenzio, ha aumentato la creatività divergente ma non convergente creatività.

Gli autori spiegano che un modello di creatività lo descrive come un matrimonio di persistenza e flessibilità, e che ascoltare musica felice può aumentare uno di questi due parametri. Poiché la creatività convergente non è stata migliorata, può essere che la musica felice aumenta la flessibilità mentale, e, quindi, la creatività.

Lo studio apre una vagonata di nuove domande a cui rispondere, e ci sono una serie di variabili che potrebbero essere abbinate, come l’influenza del background culturale, l’età e l’esperienza musicale.

Inoltre, i livelli di volume e i generi musicali potrebbero giocare ruoli importanti. Poiché la musica è un intervento così semplice ed economico, queste scoperte potrebbero avere notevoli ramificazioni in istruzione, scienza e commercio allo stesso modo.

I risultati dovranno essere replicati in prove più grandi, ma è piuttosto piacevole considerare che l’effusione musicale creativa di qualcuno può migliorare la capacità di un altro individuo di essere creativo.

Non si può fare a meno di chiedersi se la presenza della musica in quasi tutte le culture della terra abbia aiutato l’umanità a superare i molti problemi e puzzle che ha affrontato nel corso dei millenni.

La memoria e l’umore nelle persone con demenza migliorano quando i loro caregiver incoraggiano e li aiutano a prendere parte a regolari attività di svago musicale come il canto o l’ascolto di musica.

Donna anziana che ascolta musica con le cuffie

Oltre al canto, l’ascolto della musica sembra favorire l’umore nelle persone con lieve demenza.

Questa è la conclusione di un nuovo studio condotto dall’Università di Helsinki (Finlandia) e pubblicato sul Journal of Alzheimer Disease.

I ricercatori suggeriscono che lo studio potrebbe aiutare a migliorare la cura della demenza e a indirizzare meglio l’uso della musica in diversi stadi della demenza.

  • Autore principale Dr. Teppo Särkämö, i cui specialismi riguardano la ricerca cognitiva del cervello, la scienza comportamentale e la ricerca musicale, aggiunge:
  • “I nostri risultati suggeriscono che le attività ricreative musicali potrebbero essere facilmente applicate e ampiamente utilizzate nella cura della demenza e nella riabilitazione.”
  • La ricerca ha coinvolto 89 coppie di pazienti con demenza da lieve a moderata e i loro operatori sanitari, che sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi.

In due dei gruppi, le coppie hanno partecipato a 10 settimane di coaching musicale regolare-una incentrata sul canto e l’altra sull’ascolto musicale. Per il terzo gruppo – i controlli – l’intervento riguardava solo l’assistenza standard.

I benefici del canto nelle fasi iniziali, l’ascolto della musica nelle fasi successive

I benefici del canto nelle fasi iniziali, l'ascolto della musica nelle fasi successiveLe valutazioni effettuate 9 mesi dopo gli interventi avevano già dimostrato che ci sono stati miglioramenti nella memoria, nella funzione esecutiva, nell’orientamento e nell’umore nei gruppi che hanno ricevuto il coaching musicale, rispetto al gruppo di assistenza standard.

La funzione esecutiva è come il supervisore dei processi cerebrali che ci aiuta a focalizzare l’attenzione, pianificare, ricordare e gestire diversi compiti contemporaneamente.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato i fattori che potrebbero influenzare gli effetti mentali ed emotivi delle attività musicali per vedere chi potrebbe trarre maggiori benefici da esse.

Il team ha esaminato come la gravità e l’origine della demenza, l’età del paziente, la loro situazione di cura e qualsiasi precedente impegno in hobby musicali potrebbe influenzare l’effetto delle attività musicali.

Hanno scoperto che il maggior beneficio per la memoria lavorativa, la funzione esecutiva e l’orientamento è venuto dal canto – soprattutto nei pazienti con demenza lieve e quelli sotto gli 80 anni di età. E per i pazienti con forme piu ‘avanzate di demenza, e’ stato l’ascolto musicale che ha portato ai benefici piu ‘ cognitivi.

Tuttavia, sia il canto che l’ascolto della musica alleviarono maggiormente la depressione, specialmente nei pazienti con demenza di tipo Alzheimer lieve, rispetto alle cure standard.

Background musicale del paziente non ha fatto alcuna differenza

I ricercatori sono stati interessati a notare che il background musicale del paziente – cioè, se avevano o no hobby come cantare o suonare uno strumento musicale – non ha fatto alcuna differenza per i risultati.

Dicono che i loro risultati suggeriscono che è importante tenere in considerazione alcune delle circostanze cliniche e personali e le storie dei pazienti con demenza quando si sviluppano programmi musicali per i loro caregiver da utilizzare con loro.